Apostate. – Λ ♦ Λ ♦ Ø

Emanuele Giaconi 4 settembre 2012 0

Etichetta: Autoproduzione / Anno: 2012 / Genere: Metalcore, Hardcore-Punk, Metal

Gli Apostate. sono di Praga e sono, semplicemente, uno dei migliori esperimenti Hardcore/Metal in giro in Europa. Questo “Λ ♦ Λ ♦ Ø” è il loro quarto lavoro e segna un passo a mio avviso decisivo nel loro cammino di maturazione, ora giunto, pur essendo molto giovani, ad un livello che sa di completezza ed estrema credibilità. Le radici degli Apostate. stanno a metà strada tra l’Hardcore moderno e il Metal in senso lato, incrociandosi in quel vasto settore denominato Metalcore che però forse qui non è il termine più adatto per definire uno stile che, per tanti versi, non calza del tutto con ciò che la band ceca propone. Parti strumentali bellissime e dense, in stile Post-Core (se non Post-Rock) rappresentano quei momenti di tregua che la band concede in mezzo alle sfuriate e ai break che caratterizzano la maggior parte delle sezioni del disco. Liriche riflessive e dal sapore agrodolce fanno da tappeto poetico a canzoni architettate nel migliore dei modi e mai stancanti o risentite. Interessanti, oltretutto, le parti parlate inserite in più di un brano (“The Road“, ad esempio, o “The Speech“, che contiene il famoso discorso de “Il Grande Dittatore”), capaci di offrire un’arma in più ad una band che ne ha già diverse.

The People” credo sia senza dubbio il miglior pezzo dell’album. 6 minuti e 3 secondi in cui vengono concentrati potenza, testi drammatici e duri, una cupezza Hardcore rara in giro e un senso tattico della gestione dei tempi che solo dei capiclasse potrebbero mostrare. Belli anche i break e le parti di chitarra, che in più punti sanno quasi di Progressive Metal. La canzone più dura e veloce è invece “The Rupture“, in bilico tra Hardcore new school e Metalcore pieno, non banale e dalla grande intensità. Chiude il disco un pezzo quasi totalmente strumentale, “The Town“, che meglio non poteva esser concepito. Nel complesso, un gran bel lavoro davvero, che mostra come si possa unire HC e Metal per trovare soluzioni personali di ampio respiro che possano far distanziare una band dai triti cliché Metalcore.

VOTO 8

Facebook
Bandcamp
Tumblr

Comments are closed.