Etichette italiane: la Indelirium Records

Emanuele Giaconi 10 febbraio 2012 0

Abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con Emiliano Amicosante, vero perno dell’etichetta italiana Indelirium Records. Nel roster della label, tra gli altri, Payback, Strange Fear (da noi già recensiti e intervistati), Straight Opposition e molti altri gruppi interessanti e che suonano col cuore. Ecco la BENOISE interview!

BENOISE: Quando nasce la Indelirium Records? Il vostro staff a quanti elementi ammonta?

Indelirium Records: La Indelirium Records nasce nel lontano 2003. Nel tempo ho avuto vari collaboratori che mi hanno sempre supportato al massimo (es. Ivan Straight Opposition), oggi c’è Alex che si occupa della promozione da quasi un paio di anni ed è ormani un componente fisso della famiglia, e Davide dell’Acme che cura sotto un punto di vista tecnico la maggior parte delle produzioni Indelirium.

BENOISE: Cosa vi ha spinto a mettere in piedi un’etichetta discografica, e quali sono le difficoltà per partire?

Indelirium Records: Mi ha spinto solo ed esclusivamente la passione, mettere su la label è stato semplicissimo 🙂 Resistere negli anni difficilissimo 🙂

BENOISE: Il vostro roster prevede parecchi gruppi, e ce ne sono alcuni anche molto conosciuti (tipo i Payback); come vi siete messi in contatto con le band e con chi avete più amicizia?

Indelirium Records: Il contatto con le band avviene in modo naturale, ci si conosce sul web o ci si incontra direttamente nei concerti… Parlare di amicizia con le band Indelirium potrebbe sembrare limitativo, qui siamo una grande famiglia… Ci vogliamo bene tutti… Ma veramente tutti.

BENOISE: Oggigiorno, vista la grande diffusione che hanno gli album in formato download (soprattutto free), è ancora più difficile vendere i dischi. La Indelirium come cerca di arginare questo problema? Ho anche visto che puntate molto su artwork ben curati e che attirino i fan, in modo da fargli preferire il formato “fisico” del disco, rispetto al download…

Indelirium Records: Non vedo il file sharing un problema ma anzi un punto di forza per la diffusione della musica underground. Se vendo 10 dischi di una band ma poi vedo che è stata scaricata da 20.000 utenti per me questo è un successo della label e della band. Poi sono convinto che se si cura bene il prodotto e la band è valida non ha problemi a vendere le copie fisiche ai veri appassionati che supportano quello che è rimasto della nostra scena.

BENOISE: Avete collaborazioni con altre etichette? Com’è la scena Hardcore-Punk vista dal punto di vista del proprietario discografico? Si riescono a creare collaborazioni?

Indelirium Records: Sì, collaborazioni ce ne sono tante, diciamo che è il carburante per portare avanti un genere considerato di nicchia. Per restare in italia io amo tantissimo la NoReason Records; non penso poi ci siamo altre label con gli stessi gusti musicali, per uscire dall’Italia ce ne sono tante ma veramente tante da elencare. Per rispondere alla domanda della scena Hardcore-Punk, se ne dicono tante, che “la scena è finita…” “una volta sì che era tutto bello e luccicante” ecc… Io invece vedo il mio orticello e le band che fanno parte della famiglia che si aiutano tra loro, si organizzano concerti e tour, sempre super entusiasti e con tanta voglia di fare. Quindi direi che la nostra scena è bella.

BENOISE: Nella scena della musica alternativa italiana, secondo la vostra esperienza, la gente è spinta più dalla passione o dal desiderio di provare a fare qualche soldo “sfruttando” la moda dell’essere Alternative? E voi della IR riuscite a guadagnare con le vendite discografiche e del merchandising o ci rimettete?

Indelirium Records: Se suoni Punk-Hardcore sei spinto solo dalla passione. Come dice spesso un mio caro amico, “il futuro è nel debito, quindi il futuro è Indelirium Records“.

BENOISE: Se un giorno vi sentite particolarmente buoni, lo fate un regalino a BENOISE, spedendoci qualche maglietta della vostra label, dato che sono parecchio belle? 😉 Ahaha!

Indelirium Records: Volentieri 🙂

BENOISE: In bocca al lupo per tutti i vostri progetti… Speriamo di beccarsi una volta ad un concerto o a qualche evento! Ciao Indelirium!

Indelirium Records: Bella grazie per lo spazio e la visibilità. Colgo l’occasione per salutare tutte le band Indelirium. Vi vogliooooooo bene!
em&ir

www.indeliriumrecords.com

Comments are closed.